Giovedì 29 Ottobre 2020
   
Text Size

LA PROVINCIA FINANZIA I DISTRETTI PRODUTTIVI

provincia_bari_bis 330mila euro per lo sviluppo degli undici Distretti produttivi riconosciuti dalla Regione Puglia e aventi sede in uno dei Comuni della Terra di Bari.

E’ quanto promosso dall’Assessorato alle Attività produttive della Provincia di Bari, guidato da Onofrio Resta, al fine di dare nuovi impulsi all’operatività dei Distretti, attraverso un avviso pubblico consultabile sul sito internet www.provincia.ba.it.

Si tratta di un supporto concreto ai costituendi Comitati di distretto, cofinanziando, con contributi mirati, i costi necessari per l’elaborazione dei Programmi di Sviluppo e dei relativi studi di fattibilità.

Beneficiari del contribuito saranno i Comitati di ogni Distretto produttivo autorizzato dalla Regione Puglia aventi sede in uno dei Comuni della provincia di Bari.

L’azione prevede un contributo a fondo perduto pari al 50% dei costi effettivamente sostenuti e per un ammontare massimo di  €. 33.000,00 per sostenere i costi dell’elaborazione dei Programmi di Sviluppo e i relativi studi di fattibilità.

L’iniziativa è stata illustrata nel corso di un tavolo tecnico convocato dall’Assessore Resta e presieduto dal Presidente della Provincia, Francesco Schittulli, alla presenza dei rappresentanti sindacali Cgil, Cisl e Uil, associazioni datoriali, Confindustria, Confapi, Cna, Confartigianato, Politecnico, Università di Bari e di una rappresentanza dei Presidenti dei Comitati di Distretto.

“La Provincia di Bari – ha sottolineato l’Assessore Resta – si candida a ricoprire un importante ruolo di coordinamento, sia sul piano politico che operativo, in questa fase di costituzione dei Distretti produttivi. Il nucleo fondante dei Distretti – continua Onofrio Resta – sono le imprese e le loro rappresentanze datoriale e sindacali dei lavoratori, ma il supporto fondamentale deve arrivare dalle Istituzioni, chiamate a costruire una interlocuzione produttiva con il sistema delle imprese”.

Provincia di Bari

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI