Lunedì 11 Dicembre 2017
   
Text Size

Sindaco, è solo una sceneggiata?

Vito Valentini

Dopo il deludente incontro tra i sindaci del sud est barese e il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, tenutosi a Bari il 27 giugno 2017, il direttore generale della Asl Bari con delibera n. 1236 provvedeva tempestivamente a chiudere il reparto di ostetricia ginecologia del Santa Maria degli Angeli di Putignano, spostando l'attività dello stesso al San Giacomo di Monopoli.

In data 4 luglio 2017 il Tar Puglia sezione II accoglieva il ricorso voluto dall'intero Consiglio Comunale di Putignano contro il piano di riordino ospedaliero della Regione Puglia ( delib. n. 239 del 28/02/2017) e successivamente integrato anche contro la succitata delibera e decretava la sospensiva dei suddetti  provvedimenti. Ma il direttore generale della Asl Bari nonostante ciò  non riapriva il reparto di ostetricia ginecologia, trincerandosi  dietro una nuova delibera in cui raccontava che  avrebbe riaperto il reparto rispettando la volontà del Tar solo dopo che una commissione di tecnici da lui nominata avrebbe dato parere positivo sulla sicurezza delle pazienti ricoverate, probabilmente dimenticando, di proposito, che il reparto era aperto fino a meno di 15 giorni fa.

Alla luce di questi fatti il direttivo di Direzione Italia ha chiesto al sindaco Giannandrea, tramite il suo rappresentante in consiglio comunale il presidente Aldo Vito Valentini, di chiedere un parere legale circa l'eventuale denuncia penale contro il direttore generale per “interruzione di pubblico servizio” ed “abuso d'atti d'ufficio”, ma fino ad oggi tale parere non è ancora pervenuto!

Inoltre approfondendo la questione è venuta fuori un'altra azione di pertinenza del sindaco Giannandrea che lo stesso si è guardato bene dall'effettuare o quantomeno di discutere con tutti i consiglieri comunali e cioè: "il sindaco è autorità sanitaria locale. In questa veste ai sensi dell'articolo 32 della legge 833/1978 “istituzione del servizio sanitario nazionale” e dell'articolo 117 del disegno legislativo n. 2 112/1998, può anche emanare ordinanze contingibili ed urgenti con efficacia estesa al territorio comunale in caso di emergenze sanitarie e di igiene pubblica”.

Sindaco, perché questo silenzio? Eppure ha gente qualificata vicina alla sua persona,  l'avvocato amministrativista dottor  Lorenzo Derobertis,  gli avvocati che tra l'altro siedono in Consiglio Comunale Sandro Daprile, Gianluca Miano e Luciana Laera.
Sindaco non è che, come tanti personaggi che ruotano intorno a questa vicenda, anche lei fa solo la sceneggiata per salvare la faccia e magari, anche lei, ha già decretato la fine dell'ospedale di Putignano?

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI