@@marker@@

Ospedale: “servono maniere forti…”

Uno dei post del consigliere Marco Certini, sulle nuove opere di verde pubblico

Il Carnevale estivo si farà, e senza contributo comunale. Proprio come aveva suggerito il consigliere comunale Marco Certini.

 

 Aveva ragione il giovane esponente della maggioranza?

"Se riesci a convincere, non hai necessità di avere ragione" – commenta Certini, ai nostri microfoni.

“Tempo fa – ricorda – ho detto che, secondo me, la manifestazione estiva del Carnevale si doveva fare, ma senza un ulteriore contributo da parte dell'amministrazione comunale, e così sarà nei giorni 29 e 30 luglio 2017”.

L’ingegner Certini avverte: “Invito, però, tutto il CDA del Carnevale a condividere con gli assessori e i consiglieri comunali di maggioranza il programma previsto per queste due giornate, perché non vorrei che gli eventi a latere si rivelassero di basso livello come quelli associati al carnevale invernale...

A mio parere, per alzare il livello di una manifestazione non serve spendere tanto, bensì spendersi tanto con applicazione e voglia di fare per il bene della nostra Putignano”.

 

Consigliere, altre proposte? Che Carnevale estivo sarà?

“Prima di proporre qualcosa attendiamo di conoscere il programma e, personalmente, auspico di essere informato non dalla stampa, ma in una riunione di Maggioranza ad hoc!”.

 

Che altro succede? 

“Nell’ultimo periodo mi preme la messa in sicurezza di via Napoleone Bonaparte, dalla rotatoria di via Alberobello fino a via Noci, strada che DEVE e sottolineo DEVE essere messa in sicurezza URGENTEMENTE. Ci sono esercizi commerciali, asili, nuove edificazioni… e non è possibile nel 2017 avere un pista da formula uno nel cuore del paese. Ho invitato l’Assessorato alla Polizia Municipale ad intervenire urgentemente con l’istallazione dossi artificiali o anti-velocità o rallenta-traffico”.

 

Ma allora sui lavori pubblici c'è stato questo cambio di rotta che qualcuno aveva auspicato?

“Come riferito in una mia precedente intervista, il 2016 è stato l’anno dei lavori pubblici, ne cito alcuni: la messa in sicurezza di p.zza A. Moro, la riqualificazione del quartiere “San Filippo” e “villa primo maggio”, l'ammodernamento delle scuole, la sistemazione del “parco Grotte”, le rotatorie, la bitumazione di numerose strade, la regolare prosecuzione dei lavori presso il teatro comunale.

Non mi stancherò mai di ripetere che per me è di fondamentale importanza l’ordinaria manutenzione, le buche, l’illuminazione, i marciapiedi, il verde pubblico… questo deve diventare un cavallo di battaglia, nel 2017 è inaccettabile trovare difficoltà burocratiche sull’ordinaria manutenzione”.

 

E sul verde pubblico?

“Stiamo intervenendo per la sistemazione del verde pubblico, ma bisogna essere pazienti per vedere il paese come tutti vorremmo: purtroppo la burocrazia rallenta le attività. Comunque, ho in mente qualcosa per risolvere questo problema.”

 

La maggioranza tiene, nonostante le divergenze, grazie alle divisioni a sinistra? 

“Per il bene di Putignano la maggioranza deve essere unita, ma anche critica e, infatti, il nostro gruppo sottolinea costantemente al Sindaco ciò che non funziona, proponendo soluzioni”.

 

Che ne pensa del centrodestra che ha votato numeroso alle primarie del PD?

“Il PD ha un regolamento per le primarie? Cosa prevede questo regolamento? Io, è palese, non sono andato a votare, ma in democrazia il voto è sempre auspicato, per cui se alcuni del centrodestra in tutta Italia si sono recati ai seggi delle primarie PD avranno avuto i loro motivi che non sta a me giudicare”.

  

Che altre iniziative farete sull'Ospedale? 

“Basta con i Consigli Comunali su questo argomento! Bisogna agire con maniere 'forti'.

Ci tengo a sottolineare che nel Consiglio comunale monotematico del 22 maggio era presente come unico rappresentante regionale il consigliere Gianni Stea e, regolamenti a parte, sarebbe stato opportuno dargli la parola.

A favore del nostro ospedale, il consigliere Stea ha presentato un'interrogazione regionale e siamo in attesa di conoscere la data in cui ci sarà la discussione”.