Venerdì 24 Gennaio 2020
   
Text Size

FITTO E TATARELLA A PUTIGNANO PER NINO ROSSI

comizio_fitto_19_giugno È terminata la campagna elettorale di Nino Rossi, con la partecipazione del ministro Raffaele Fitto e dell’euro parlamentare Salvatore Tatarella.

Il ministro Fitto, durante il comizio del pomeriggio, ha dichiarato di sostenere il candidato sindaco Nino Rossi: “Dopo il successo dello scorso anno del governo Berlusconi, e quello di pochi giorni fa alla provincia di Bari del presidente Schitulli, domenica e lunedì votiamo Nino Rossi. E inoltre l’anno prossimo mandiamo a casa anche il presidente della regione Vendola”.
Raffaele Fitto ha attaccato la sinistra italiana: “Strano che ha pochi giorni dalle elezioni, le procure decidono di far uscire gli scandali sul presidente Berlusconi”.

Nella serata si è svolto il comizio con Nino Rossi, il consigliere provinciale Marco Galluzzi e l’europarlamentare Salvatore Tatarella che nel suo breve intervento ha sostenuto la candidatura di Nino Rossi per la rinascita di Putignano. Sono saliti sul palco anche i consiglieri che formeranno il consiglio comunale in caso di vittoria del candidato sindaco Rossi.

Marco Galluzzi ha dichiarato: “Dopo aver ricevuto risultati importanti al parlamento europeo e alla provincia, ora dobbiamo votare il candidato sindaco Nino Rossi. Gli altri comuni limitrofi sono andati avanti, noi ci siamo fermati, per cui votiamo Rossi per ripartire”. Il neo consigliere provinciale ha attaccato il sindaco De Miccolis che ha deciso tutto lui per 5 anni, "il suo sorriso non ci inganna più".

Nino Rossi ha affermato: “Il ragazzo Vitale non è coerente, perché prima partecipa alla protesta per il canile di San Pietro Piturno e fa salire sul palco un elettore che dichiara ladro gli Angelini, e poi appoggia il sindaco De Miccolis. Mentre apprezzo la coerenza della Caramia e di Cuomo che lasciano libertà agli elettori”. Il candidato sindaco del centro destra ha dichiarato che gli attacchi ricevuti lo hanno reso più forte, inoltre ha annunciato che s’impegna a ridursi lo stipendio per poi girare un assegno al mese a tutte le associazioni putignanesi.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI