Mercoledì 23 Gennaio 2019
   
Text Size

Premiazione del Concorso “La scuola che vorrei” in ricordo dell’ins. Terry Castellana

memorial Terry Castellana Putignano (2)

Ad un anno dalla prematura scomparsa dell’insegnante Terry Castellana, i suoi cari colleghi, alunni, i collaboratori, genitori e Dirigente l’hanno voluta ricordare organizzando un incontro tenutosi martedì 11 dicembre alle ore 18.00 presso l’Aula Magna della scuola primaria Minzele, dal titolo: “Ricordare è un modo di incontrarsi”(K. Gibran).

In prima fila emozionatissimi, il figlio Antonello con la futura moglie Mary, i suoi fratelli e le sorelle, il dirigente Francesco Tricase, i suoi ultimi alunni di terza, i tanti colleghi di una vita, gli ex-alunni e tutti coloro che l’hanno stimata e conosciuta.

memorial Terry Castellana Putignano (1)

In suo onore i docenti referenti, hanno organizzato un concorso interno intitolato “La scuola che vorrei” a cui hanno partecipato tutti gli alunni della scuola primaria, ed una raccolta fondi da destinare alle associazioni di ricerca contro il cancro. La premiazione dei bambini finalisti del concorso è avvenuta nella stessa serata, ed i bravissimi artisti premiati sono: Melania Lippolis I A, Chiara Miscioscia I D, Francesco Matarrese II A, Aurora Russo III A, Alex Spinelli III D, Giuseppe Luisi IV B, Corrado Schettini IV E, Leonida Benedetti V E, Anastasia Fanigliuolo V F, Isabella Amatulli V D.I disegni sono stati presentati dagli stessi vincitori, i quali hanno descritto entusiasti il loro capolavoro.

Si sono susseguiti tanti pensieri ed interventi commoventi dedicati a lei: la meravigliosa poesia in vernacolo putignanese, scritta dalla collega Marilena Campanella che la descrive come “un concentrato di materia viva ed esplosiva”;la sua passione per l’insegnamento ricordata dall’amica Maria Teresa Gonnella;i video affettuosi inviati per l’occasione dai tanti ex-alunni che hanno ricordato il suo fare severo ma anche la sua grande professionalità. Come conclusione i bambini di 3^ A e B, suoi ultimi alunni, hanno intonato un canto mentre sullo schermoscorrevano le mille foto di attività che la ritraggono sempre sorridente o concentrata nel suo lavoro. Dolcissimo il momento finale: i bambini in questi giorni hanno allestito a scuola un abete donato da lei, ma non lo vedevano ancora completo, hanno, quindi, voluto aggiungere in cima una stella con la sua foto. Ora sì che è completo cara Terry!

Di seguito è riportata la poesia in vernacolo scritta dalla docente M. Campanella, distribuita a tutti gli invitati su un segnalibro ricordo della serata.

On dett ca si mort,
ma, secondo me, to stie asknnot riet a port
i da dà te ne ste fasc’ resat,
a vedaje accumm stam abbabbiat!
So securca ste preparna bella barbatell
Accumm quann se ne sceje in pension a maestra Gonnell,
ca t’ascunnist all’intrasatt
i mbrem assist berafatt:
cu u senal, i tottamoss
i pue t presentist: “Sond a massar d Montross”,
i cu quattparolbellaggiustat
fascist a storie d cheddacumpagnafedat.

Da chedda volt ca reremm tott cuntint,
però, i passat bunaridd timp…
i noue aspettam ca prem o dopp a veneje
a purtarc’ nu pecch d’allegrej;
accumm fasciv dopp i riunion,
ca tott na volt chiandiv u ceppon
i noue, por c’ n’erem ngazzat,
ne fascemm na bella risat!
Ma to, vu veraje ca stavolt riet a port
“ngochiaton” to fatt a cort?
I ton, ca teniv tanta pacienza,
a lassat tott cos, i si mort a convenienz.

I so cunvent ca mo, u Patetern, ca t’ ospettat cu i vrazz apert,
nan s’accapesceaccumm s ste devert,
appriss a Santr i Biat, ca ston tott in armuneje purcèston, cu te, in allegreje!
Noue però, sem rummast brott,
i aspettam semb ca iss da riet a port…

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI