Mercoledì 22 Maggio 2019
   
Text Size

Il Papa in Marocco: a colloquio col Console Vincenzo Abbinante

abbinante marocco (2)

Una visita breve ma intensa, storica certamente quella che si prepara a fare Papa Francesco in Marocco, il 30 e 31 marzo. “Sarà nel segno della pace e del dialogo” spiega a “La voce” Vincenzo Abbinante, Console onorario del Marocco in Italia che ha affiancato l’Ambasciatore Generale in Italia del Regno del Marocco, Sua Eccellenza Hassan Abouyoub nel lungo lavorio diplomatico per la visita del Pontefice, quarant’anni dopo quella di Papa Giovanni Paolo II. Lo intercettiamo telefonicamente fra un volo da Bari e la coincidenza con Casablanca: “davvero una grande emozione, un momento storico”, spiega.

“Gli scambi dell’Italia con il paese africano – dice Abbinante – sono molto floridi e crescono di valore e contenuti perché parliamo di due Paesi molto vicini con diversi punti di reciprocità”. Parlando della sua Turi, ad esempio, il Console ricorda come nel corso delle annuali campagne di raccolta delle ciliegie molte famiglie dal Marocco si spostano in Puglia per lavorare nel campi, manodopera preziosa ed essenziale per garantire il conseguimento di tutti quei risultati che per Turi sono importanti, economicamente parlando.

Anche per i pugliesi, poi, ci sono mille opportunità, sottolinea Abbinante perché “il Regno del Marocco è retto da un sovrano che ha profondamente cambiato il Paese rispetto al passato”; Re Muhammad VI ha modernizzato il Paese, migliorando infrastrutture e governance, aprendo all’innovazione senza mai dimenticare la storia millenaria di questo lembo d’Africa che si affaccia sul Mediterraneo. Un Marocco, dunque, aperto al mondo che accoglie il Papa per due giorni di pace, preghiera e solidarietà verso gli altri, verso chi soffre.

Temi che saranno al centro di un importante convegno organizzato proprio in occasione della visita del Pontefice presso l’Università di Rabat ed al quale il Console onorario è stato invitato, durante il quale saranno approfondite tematiche di vitale importanza sotto il profilo simbolico e di prospettiva in relazione alla visita del Pontefice. Che come ogni pellegrinaggio sarà sicuramente foriero di grazie inaspettate perché quando il Papa si muove, difficilmente lascia tutto com’era prima del suo passaggio.

abbinante marocco (1)

abbinante marocco (3)

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI