Martedì 21 Novembre 2017
   
Text Size

"Centro storico abbandonato a se stesso", il Comitato promuove un incontro

centro storico putignano

Il nostro centro storico, insieme al Carnevale, è il più grande bene culturale che abbiamo e che perciò va tutelato e salvaguardato nel migliore dei modi. Purtroppo, ormai da tempo, da troppo tempo è abbandonato a se stesso: invece di essere il “cuore” del paese sembra un quartiere di periferia abitato più dai colombi che dalle persone, quotidianamente costrette a fare i conti con numerosi problemi.

Tutti quelli che pensano sia un’isola felice, dove magari sia cambiato qualcosa negli ultimi tre/quattro anni, evidentemente vivono in un altro paese o forse “sulla luna”. Né si può chiedere solo al Comitato di svolgere un ruolo di mediazione fra esigenze e soggetti diversi: questo compito spetta all’Amministrazione comunale. C’è da sperare, a questo proposito, che prima di rilasciare ai giornali locali considerazioni/riflessioni su queste problematiche (soprattutto se si tratta di amministratori/consiglieri comunali) si senta il dovere di documentarsi meglio e di comprendere anche le legittime esigenze di quanti vivono e operano nel centro storico.

In realtà, il Comitato chiede una maggiore attenzione da parte degli amministratori, di tutte le forze politiche presenti in Consiglio comunale e delle altre associazioni e nello stesso tempo spera in una maggiore sensibilità e nel senso civico da parte di chi vi abita. Il compito del Comitato sarà proprio di sensibilizzare le autorità competenti e l’intera cittadinanza su tutto quello che occorre fare per rendere il nostro centro storico più pulito, più curato, più vivibile: solo così si può favorire l’incremento dei residenti e nello stesso tempo offrire uno “spettacolo” più decoroso ai turisti e agli stranieri (e non sono pochi) che vengono a visitarlo, definendolo spesso uno dei centri storici più belli della Terra di Bari.

Occorre subito fare qualcosa per evitare un ulteriore, preoccupante degrado della parte culturalmente e storicamente più importante del paese. Che ben vengano, pertanto, iniziative meritevoli e coraggiose, soprattutto giovanili, capaci di rivitalizzare e valorizzare il borgo antico, purché rispettose delle leggi e della civile convivenza che, inutile dirlo, può essere raggiunta attraverso il buon senso e le “buone pratiche” da parte di tutti.

Il Comitato si farà promotore di un pubblico incontro nel quale verranno dibattuti i maggiori problemi avvertiti dai residenti e dagli operatori e soprattutto illustrati gli scopi e le finalità previste dallo statuto dell’associazione.

Comitato per la tutela e la valorizzazione del Borgo Antico

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI