Martedì 23 Ottobre 2018
   
Text Size

Guglielmo Marengo si prepara al Cammino di Santiago

cammino

Gugliemo Marengo ha deciso di realizzare un sogno che coltiva già dal 2016, percorrere il Cammino di Santiago de Compostela. Un mese di cammino, zaino in spalla, attraverso la "via dei pellegrini" per eccellenza.

La partenza è fissata per il prossimo 29 agosto da Bari e, percorrendo una media di 30 km giornalieri, il giovane putignanese arriverà per la fine di settembre a Finisterre, includendo una sosta di tre giorni per visitare Barcellona.

Nell'intervista che segue Guglielmo ci racconta l'origine e l'organizzazione dell'impresa, precisando che "più che un tragitto in strada è un tragitto di vita" e promettendo di condividere la sua esperienza con i nostri lettori.

 

Nome?
Guglielmo Nicola Marengo, per gli amici Elmo.

Età?
Ancora diciannovenne per quale mese, classe ’97.

Professione?
Ho terminato il quinto liceo scientifico nel 2016 e sono al momento al primo di università presso il Dipartimento di Fisica M. Merlin dell’Università degli Studi A. Moro.

Hobby?
Mi piace un sacco viaggiare, e di conseguenza adoro interfacciarmi con diverse culture e cercare di trarre dal prossimo ogni minimo particolare per accrescere sempre di più il mio “bagaglio culturale”.

Sport?
Attualmente gioco nel campionato C2 di Rugby con i Panthers di Modugno, non mi piace definirmi uno sportivo a tutti gli effetti, ma adoro l’attività fisica, soprattutto le lunghe camminate in montagna.

Come mai l’idea di percorrere il Cammino per Santiago di Compostela?
Mi piace l’idea di conoscere nuove persone durante tutto il cammino, e di mettermi alla prova con l’intero tragitto della Via Francigena fino a Finisterre, circa 900 km.

Quando è nata questa idea?
L’anno scorso, ho letto parecchi articoli e libri che ne parlavano, definendolo un’esperienza di vita, volevo partire già nell’agosto del 2016, ma ho preferito aspettare un anno per prepararmi meglio.

Quando parti?
Parto il 29 agosto da Bari, sosto un giorno a Barcellona, per poi, passando da San Sebastian, arrivare a San Jean Pied de Port, in Francia, da lì incomincerò il cammino, passando dai Pirenei.

Quanto durerà?
Mi sono prefissato di compiere 30 km al giorno, a piedi, conto di impiegarci un mese pieno, per poi, al ritorno, prendermi un “riposo” di tre giorni visitando Barcellona.

L’attentato del 18 agosto ti preoccupa?
Come ho già detto a tutte le persone che me lo chiedono, il rischio c’è ogni giorno, ma cerco di non farmi limitare dal terrore, non voglio fare il gioco dei terroristi.

Cosa pensi di fare al ritorno dal Cammino?
Tornerò a studiare presso il Dipartimento di Fisica e cercherò di condividere il più possibile le mie esperienze, ho intenzione di scrivere un diario/guida accompagnata da i consigli più utili per percorrere in toto il Cammino, e di rilasciare un’intervista a PutignanoWeb raccontando tutto il cammino ed i suoi momenti, dai più belli ai più “critici”.

E durante il Cammino?
Avrò sempre la mia macchina fotografica per scattare foto e riprendere i momenti più belli, che condividerò sulla pagina Facebook del mio Sponsor, l’Eni Caffè di Putignano, per chiunque fosse interessato a vivere in terza persona l’esperienza.

Chi ti ha aiutato con i preparativi?
I miei ringraziamenti vanno all’Eni Caffè e al suo staff, che ha creduto in me sin dall’inizio e mi sostiene dandomi la possibilità di condividere i miei video sulla loro pagina Facebook, all’agenzia Pitinius Tours, di Putignano, che ha sbrigato tutte le faccende riguardanti i voli aerei ed i soggiorni a Barcellona, e un ringraziamento speciale va ai miei genitori, che seppur all’inizio leggermente impauriti da questa partenza di un mese, zaino in spalla, mi continuano a spronare per percorrere al meglio questo lungo tragitto, che più che un tragitto in strada è un tragitto di vita.

Commenti 

 
#5 pietà 2017-09-05 15:46
@leone solitario, già fatto, appunto ti dico che parlare di "impresa" è fuori luogo, come fuori luogo è farlo con 15 kg in spalla: non serve portarsi dietro la casa. Per finire, la parola "impresa" accostata a quello che dovrebbe essere un pellegrinaggio, non si può davvero sentire.
 
 
#4 leone solitario 2017-09-01 10:54
Beh fallo tu "Pietà" con 15Kg sulle spalle passaggio sui Pirenei e fra l'altro nevica pure.
 
 
#3 putignaneselontano 2017-08-29 10:53
Ti seguirò giorno per giorno,buon viaggio e tienici informati
 
 
#2 pietà 2017-08-28 10:10
Perché "abbottare" le cose in questo modo?...impresa?...un normale Cammino di Santiago che hanno già fatto, fanno e faranno milioni di persone...
 
 
#1 sostenitore 2017-08-26 07:51
Buon viaggio.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI